locomotiva

Trenitalia contro le gite scolastiche

27 giugno 2012

Cara Trenitalia, quante te ne potrei dire, ma chissà quante te ne dicono tutti i giorni: chissà quanti ti rimproverano i tuoi ritardi, le tue biglietterie chiuse, il tuo sito inaffidabile, eccetera. Ma se proprio devo aggiungermi al coro dei tuoi detrattori, cercherò almeno di metterci qualcosa di mio. Per esempio: cara Trenitalia, cos’hai contro le gite scolastiche?

Perché dai 12 anni in su non concepisci che una classe di scuola possa viaggiare in comitiva? Perché se voglio organizzare una gita in treno, un mezzo assai più sicuro delle corriere (e credo anche più educativo) mi tocca acquistare, per 25 alunni di 13 anni, 25 biglietti per adulti, a prezzo pieno? Oltre ovviamente ai biglietti per gli insegnanti, sia mai che ti venga in mente di offrire uno sconto a chi ti riempie un mezzo scompartimento.

Cara Trenitalia, perché invece di riempirmi la mail di offerte meravigliose sui Frecciarossa e i Frecciargento, non mi stupisci con una bella offerta per le gite scolastiche? Non ti ci vorrebbe nulla per essere competitiva con gli autotrasportatori. E dovresti essere la prima interessata a far conoscere il treno ai ragazzini. Il mezzo meno pericoloso di tutti, il più riposante. O hai paura che gli studenti disturbino i pendolari, o i manager col laptop che cercano di guardarsi i gol con la connessione WiFi che va a scatti?

Cara Trenitalia, perché insisti a volermi portare da Bologna a Milano in un’ora, quando l’unico treno che vorrei prendere ultimamente è un Modena-Verona, e ce ne mette due e venti? Ma ti pare normale che nel 2012 Modena e Verona stiano a 140 minuti di distanza? A volte, mentre guardo al finestrino la bassa emiliana diventare per un attimo lombarda, sento come uno spostamento d’aria: è il fantasma di un calesse ottocentesco che sorpassa il regionale Suzzara-Mantova. Lo so che darai la colpa alle regioni. Ma l’Italia è fatta di regioni, non viviamo tutti nell’immediata vicinanza di una stazione dell’Alta Velocità. Cara Trenitalia, ma che t’abbiamo fatto di male noi utenti? Perché fai di tutto per evitarci?

Ultimi Post
  • Anche tu ti svegli a 5 Stelle? Non aver paura! CLICCA QUI!!!
    22 luglio 2014

    Certe mattine uno rischia davvero di svegliarsi a Cinque Stelle. Se dovesse succedere anche a voi, non preoccupatevi. C’è un rimedio imbattibile. Garantito. Può succedere a chiunque. Magari il giorno prima ha sentito dire a Di Maio che Grillo e Casaleggio si vedranno meno: vuoi vedere che è finita la fase dei guru e degli imbonitori? […]

  • Anche innocente, Papi è indecente
    19 luglio 2014

    Potrei anche non ricordarmi bene; è passato del tempo e un mondo di cose più serie a cui pensare. Comunque: La sera del 27 maggio 2010, una signora che credo si chiami Michelle Conceicao – e che in seguito ammetterà di avere praticato la prostituzione - sta scrollando nervosamente la rubrica del suo telefono, alla ricerca […]

  • Perché Gaza mi interessa più della Siria (e non è giusto)
    17 luglio 2014

    “Ma la Siria? E l’Iraq? Non muoiono dei bambini anche là, da mesi? Perché non te n’è mai fregato nulla? Che cos’hanno di speciale quelli palestinesi? Cosa c’è di speciale nei bombardamenti di Israele per farti indignare come non ti hanno mai indignato le armi chimiche di Assad o le stragi in Egitto?” Caro sostenitore […]

Archivio
Tag
anni '80 anni Zero Beppe Grillo Berlusconi Black Bloc blog catastrofi cinema Costituzione crisi del 2011 cultura elezioni 2013 elezioni 2014 Emilia esami fascismi Gelmini Genova G8 giornalismo governo Letta internet Invalsi invecchiamento islamofobia lavoro leghisti letteratura lettere ai giornali Libia manifestazioni Matteo Renzi migranti Monti movimenti Movimento 5 Stelle musica Padania Papa PD previsioni inattendibili primarie religione riforme scandali scuola sesso terremoto 2012 terrorismo tv Twitter